La Chiesa Parrocchiale

La Chiesa Parrocchiale di S. Michele e Solutore
 
chiesa s michele
Monumento nazionale d’arte barocca, fu progettata nel 1764 dall’architetto Carlo Andrea Rana (Susa 6 novembre 1715 – 10 dicembre 1804), uno degli ingegneri più rappresentativi dell’epoca insignito del titolo di Architetto Regio.
 
L’ideazione di tale opera venne realizzata nella riunione della Compagnia del SS. Rosario nel 1763 nella quale si impegnava ad impiegare i mezzi a sua disposizione richiedendo allo stesso tempo il contributo della comunità. Per realizzare un’opera di tale portata erano necessari dei precisi punti di riferimento: da una parte, l’eredità di Giuseppe Innocenzo Gallinotti lasciata alla sua morte alla locale Compagnia del SS. Rosario; dall’altra la clausola che seguiva la concessione del Re di affidare alla Compagnia la costruzione della Cappella e alla comunità quella della chiesa .
 
Rana fu affiancato nella sua opera da altri valenti architetti: Bruschetti, Bonvicini, Bonsignore, che alla morte di Rana, portò a termine alcune delle parti ancora incompiute, come fece successivamente l’architetto Martelli.
 
Nella realizzazione dell’opera vennero seguiti i dettami dello Juvarra soprattutto per quanto riguarda la facciata.
 
La forma generale è un vasto corpo ellittico, ai due capi del quale si aprono, mediante due grandi archi, il vestibolo di entrata e il presbiterio.
L’architetto risolve per via prospettica di raccordare il corpo mediano della facciata, sempre più elevato, con le parti laterali più basse.
Il corpo stesso della fabbrica, che per la sua forma ellittica si va a rigonfiare ai lati, compare gradualmente e spunta con la concavità di due contrafforti riempiendo lo spazio e integrando il prospetto dietro la balaustrata che integra i diversi piani terminando con due vasi a fiamma ai due capi.
 
chiesa s michele 2
Nel 1808 il celebre Carlo Serassi ebbe l’incarico di costruire un organo per la chiesa. In complesso il grandioso strumento è munito di 3.900 canne, di pedali e pedalini di richiamo, alimentati da 12 grandi mantici.
 
chiesa s michele 3
chiesa s michele 4
chiesa s michele 5
La cappella del Rosario sorge dietro la rotonda del presbiterio ad un livello più alto cui si accede per due scale aderenti. E’ a forma di ottagono schiacciato coperta da una cupola a 8 spicchi.
Il solenne trasporto della statua della Vergine dalla vecchia chiesa nella Cappella avvenne nell'ottobre del 1786, quando già da cinque anni la chiesa era funzionante.
 
Particolare di un affresco sulla volta del cupolino della Madonna del Rosario
raffigurante Strambino all'epoca della costruzione della chiesa.
chiesa s michele 6
Associazione Turistica - Pro Loco Strambino
 
  • Piazza Municipio 1, 10019 Strambino (TO)
  •  
  • Tel: 335.7525453
  • Fax: 0125.629300
  • Email: info@strambinoproloco.it

strambino googlemaps

Top